zedla zone


ALLA FACCIA DEL TEMPORALE
giugno 30, 2006, 10:11 am
Filed under: Pensieri

casa.jpg
Ero a corto di argomenti in questi giorni..poi ieri è successa una cosa che non avevo mai visto in vita mia, ma nemmeno mio padre che ha 60 anni aveva mai visto una cosa così. Non saprei nemmeno come chiamarla, c’è chi parla di alluvione, di tromba d’aria, di bufera. Non avevo mai visto volare alberi…ieri l’ho visto. In pochi secondi si è scatenato il pandemonio e continuavano ad esserci colpi sul tetto tanto che ad un certo punto ho pensato “qual è il luogo più sicuro dove mettersi nel caso in cui crolli qualcosa?”. Uno shock. Quale potenza. Finito il caos abbiamo trovato un caos ancora più grande, il girdino era irriconoscibile, sembrava che qualcuno (chi? il vento..) si fosse divertito a spostare gli alberi da un posto all’altro. Quegli alberi che in tutti questi anni hanno resistito anche ai peggiori temporali..gli stessi ai quali è legato il mio ricordo di quando, da piccola, giocavo attorno a casa mia e conoscevo ogni singolo metro di terra e le sue caratteristiche. Spezzati in cinque minuti, adesso il problema è quello di portarli via in fretta..portiamo via in fretta anni di crescita… Per non parlare poi dei danni arrecati alle persone, alle auto, alle case… Siamo fortunati perchè questo non è nulla in confronto a quello che ad esempio e successo poco fa in Indonesia, ci sembra che lì sia naturale che avvenga, e se succede una cosa in percentuale minima da noi, ci sembra impossibile… Dico solo che con tutte le nostre lauree, pare, problemi, ansie e smanie non siamo davvero niente e sarebbe buona cosa ricordarselo sempre, non solo in questi momenti. Odio questa corsa sfrenata verso qualcosa che ci siamo inventati pensando di vivere meglio.



PULIZIA MENTALE
giugno 24, 2006, 10:30 am
Filed under: Pensieri

grafica-splash-010905.gif

Il mio lavoro mi piace perchè, fra le altre cose, richiede ordine, pazienza, precisione e senso logico… Mi fa sentire più “pulita”..come dopo aver pulito a fondo la mia stanza. Energie ben spese per un risultato che non ammette errori, almeno a questo si tende..

formiche.jpgformiche.jpgformiche.jpg



GIGA
giugno 23, 2006, 1:00 am
Filed under: Pensieri

images1.jpg
Si parlava di I-Pod e ho pensato…poter comprare tot giga di spazio per metterci dentro i libri, i vestiti, le carte, le foto, le valigie, le coperte…salva, cancella, copia, trasferisci il tutto..se sarebbe bello! chissà se un giorno sarà così..magari non proprio così ma… vado a letto, ok!



SOGNARE FA BENE
giugno 19, 2006, 11:49 pm
Filed under: Pensieri

Mi hanno chiesto cosa sogno. La cosa mi ha fatto riflettere perchè mi sono un po’ disabituata a sognare. Mi hanno detto anche che per veder realizzati i propri sogni bisogna spostare più in là la linea dell’orizzonte (o una cosa simile). Insomma bisogna sparare alto. Comunque rimango coi piedi per terra e ammetto una cosa, è da un anno che ho un sogno (materiale) che mi fa davvero girare la testa… è questo:

t29-citroen-ds19.jpg

Non la comprerò mai perchè quando avrò un gruzzolo non esisterà più ma è troppo figaaaa, io la voglio da morire!!! Sarebbe anche realizzabile come sogno e la linea dell’orizzonte non è lontanissima…come faccio?

Cavolo, forse a settembre firmerò il mio primo contratto di lavoro, e di anni ne ho 28….aiaiaiaiiaiaia, se avessi iniziato a mettere via contributi 10 anni fa forse adesso me la potrei comprare la mitica CITROEN DS detta Squalo o Ferro da Stiro… forse però a pensarci bene se avessi iniziato a versare contributi 10 anni fa adesso non avrei mai avuto questo sogno… Chissà se in un universo parallelo la Zedla invece di guidare la punto rossa guida uno Squalo verde o arancione…tristengi…stronza!



UNIVERSI PARALLELI
giugno 19, 2006, 11:22 pm
Filed under: Pensieri

images.jpg

Il mio amico Teo oggi mi ha detto di un articolo che ha letto su una rivista scientifica qualificata (Scientific American). Il suo contenuto mi ha abbastanza sparata fuori, adesso oltre a matrix e a vanilla sky c’è pure questa cosa qui che scrivo. Mi spiego. Premettiamo che la realtà può essere descritta come insieme di particelle elementari non divisibili che chiamiamo quanti (i quali costituiscono gli atomi) e che sono dotati di due stati: up and down. Qualsiasi cosa è descrivibile, anche quello che pensiamo adesso … visto che il pensiero non è altro che sostanze chimiche che girano nel cervello, facciamo finta che esistano solo tre particelle: a, b e c, possiamo descrivere l’intera realtà di questo microcosmo enumerando tutte le combinazioni possibili tipo a è up, b è up, c è down, oppure a e up, b è down, c è up, ecc…Ora prendiamo tutti i quanti del sistema solare e mettiamoli in fila..ci sarà qualche miliardo di quanti che riguardano solo un neurone del mio cervello. Mettendo in ordine questi quanti ne esce una stringa, lunghissima ma finita. Adesso pensiamo ad una stringa uguale ma con qualche quanto diverso, che si riferirà quindi ad un sistema uguale a quello ma con qualche cambiamento. La questione è questa: sotto l’ipotesi di uniformità di distribuzione della massa dell’universo (ipotesi attualmente molto accreditata) c’è abbastanza spazio nell’universo per contenere tutte le combinazioni possibili di questa enorme stringa che descrive il sistema solare, anzi le stringhe possono addirittura ripetersi.

Morale: statisticamente è altamente probabile che un sistema solare uguale al nostro sia già esistito o esisterà e ne esisteranno e/o saranno già esistiti migliaia di altri che si differenziano da questo per qualche particolare. Quindi io e tu siamo un aggregato di quanti che ha sicuramente un omolgo in un mondo uguale a questo.

Pauraaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

Il link all’articolo è questo http://www.olotropica.it/universi_paralleli.htm

 

 



CREATIVACOSA
giugno 15, 2006, 12:43 am
Filed under: Pensieri

lampadina.jpg
Il VUOTO CREATIVO è quando devo essere creativa nel lavoro ma non mi riesce di esserlo perchè le indicazioni sono frammentarie e i tempi di consegna sono stretti e anche perchè capita per mille motivi che esulano dal lavoro in senso stretto.

La TREGEDIA CREATIVA (è un termine che ho coniato io) capita quando, dopo aver avuto il culo di non cadere nel vuoto creativo, quello che ho creato viene rifiutato e viene invece accettata la proposta standard – istituzionale. Purtroppo succede spesso e non per l estrosità della proposta ma perchè siamo in Italia.

Il DRAMMA è questo: Sto male se ho un vuoto creativo, sto male se vivo una tragedia creativa. Se ho un vuoto creativo la possibilità di incorrere in una tragedia creativa è limitata. Quindi, ci si deve accontentare ..zzo???



VI VEDO
giugno 13, 2006, 5:00 pm
Filed under: Pensieri

occhio.jpg

Tra le voci di ricerca che si insinuano nel mio blog va per la maggiore la Trombonave. Devo proprio prenderla…